Realizzata su richiesta di un cliente del Regno Unito, la Pagani Huayra Pearl entra di diritto tra le hypercar più esclusive mai realizzate da Horacio. E i richiami alla Zonda sono evidenti… Quando si parla di Pagani, si parla di un marchio di hypercar tra le più esclusive al mondo. Dotare di prestazioni incredibili, realizzate praticamente in maniera artigianale, queste auto hanno saputo ritagliarsi un posto speciale nel cuore degli appassionati, dapprima grazie alla Zonda e poi con la Huayra. Ed è proprio la secondogenita di Horacio che, ancora una volta, fa parlare di sé. La Huayra Pearl, forse, resterà a lungo tra le auto più esclusive mai prodotte a San Cesario sul Panaro. Si tratta di una one-off prodotta per un cliente del Regno Unito su sua specifica richiesta, per la quale si è reso necessario un anno di lavorazione.  Alcuni dettagli aerodinamici e della carrozzeria sono stati modificati. Troviamo lo splitter anteriore del Pacchetto Tempesta visto al Salone di Ginevra, mentre al posteriore compaiono due profili alari in sostituzione delle appendici attive, offrendo un chiaro rimando alla Zonda C12 S. Abbiamo, infine, una presa d’aria dinamica sul tetto, che idealmente si ricollega alla Zonda R. Gli interni – come sempre ricchissimi – sono in pelle bianca.  Il comparto motoristico è, come sempre il V12 da 6.0 litri marchiato AMG. I valori di potenza di questo specifico modello non sono stati dichiarati, ma sappiamo che per la Huayra “standard” i cavalli a disposizione sono 750, mentre raggiungono gli 800 sulla Huayra BC presentata a Ginevra.

            cq5dam-web-960-800-alto     cq5dam-web-960-800-effetto

           cq5dam-web-960-800-frontale      cq5dam-web-960-800-fronte

cq5dam-web-960-800-interni       cq5dam-web-960-800   

         cq5dam-web-960-800-laterale-1        cq5dam-web-960-800